vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

L'incontro con gli attori Vinicio Marchioni e Francesco Montanari è stato cancellato

Vista la perturbazione ancora in atto, accompagnata da temperature costantemente sotto lo zero, e a seguito delle ordinanze dei Sindaci, il Magnifico Rettore ha disposto la sospensione per venerdì 2 marzo delle attività didattiche in tutte le sedi relative ai campus di Bologna, Cesena, Forlì e Ravenna. Per tale motivo l'incontro con gli attori Vinicio Marchioni e Francesco Montanari è stato cancellato.

02/03/2018 dalle 15:30 alle 17:00

Dove Sala Convegni - Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne - Via Cartoleria 5 - Bologna

Aggiungi l'evento al calendario

Gli attori Vinicio Marchioni e Francesco Montanari, in scena al Teatro Duse a Bologna dal 2 al 4 marzo con “Uno zio Vanja” di Anton Čechov, incontrano gli studenti dell’Università di Bologna venerdì 2 marzo alle ore 15.30 presso la sala Convegni del Dipartimento LILEC (Via Cartoleria, 5).

 

Sarà Vinicio Marchioni, protagonista assieme a Francesco Montanari, a dirigere questa nuovissima versione del capolavoro di Anton Čechov. Zio Vanja, scritto nel 1896, infatti non solo è una delle opere più importanti del teatro moderno, ma anche l’epitome del dramma della mediocrità.

La pièce narra i tormenti interiori di Ivan Petrovič Vojnickij, zio Vanja appunto, che per sei anni ha amministrato con scrupolo e abnegazione la tenuta della nipote Sonja versandone i redditi al cognato, il professor Serebrjakov, vedovo di sua sorella e padre di Sonja. L’apparente serenità famigliare viene turbata dall’arrivo di Serebrjakov che si stabilisce con i due, insieme alla seconda moglie, Elena. Le illusioni sono presto distrutte: alla rivelazione che l’illustre professore è solo un mediocre sfacciatamente ingrato, zio Vanja sembra ribellarsi. In un momento d’ira arriva a sparargli, senza colpirlo. Nemmeno questo gesto estremo modifica il destino di Vanja e di Sonja, che riprendono la loro vita rassegnata e dimessa, sempre inviando le rendite della tenuta al professore tornato in città con la moglie.

 

La riedizione contemporanea di Zio Vanja, all’interno della linea artistica di Khora Teatro, ha l’obiettivo di riavvicinare il vasto pubblico alla storia del teatro, dimostrandone l’attualità dei valori in un allestimento attento ai nuovi linguaggi della regia del teatro contemporaneo.