vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Proiezione del film "La grande Illusion" di Jean Renoir, in edizione originale

Proiezioni di film nell´ambito dei Corsi di Lingue e Letterature straniere Ottobre - Dicembre 2007 A cura di: Dott.ssa Goranka Rocco, Dott. Paolo Albertazzi

10/10/2007 dalle 00:00 alle 00:00

Dove Sala Convegni Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere Moderne via Cartoleria 5, Bologna

Aggiungi l'evento al calendario

"La grande Illusion" di Jean Renoir

LINGUE: francese, tedesco, inglese

Mercoledì, 10 ottobre 2007 ore 15.30

Presentazione: Prof.ssa Eva Thüne

La grande Illusion Francia 1937, 108 min., dir. da Jean Renoir
Il film racconta la storia di alcuni ufficiali francesi, tra cui l’aristocratico Boieldieu e il borghese Maréchal, che durante la prima guerra mondiale cadono prigionieri dei tedeschi e dopo un tentativo di fuga vengono inviati in un castello trasformato in campo di prigionia per ufficiali. A capo del campo c’è l’aristocratico tedesco von Rauffenstein, messo a fare il carceriere dopo essere stato ferito gravemente. I due ufficiali francesi riescono a fuggire; durante la loro fuga vengono nascosti per un breve periodo da una giovane contadina tedesca, vedova di guerra, prima di passare il confine con la Svizzera. Il film è costruito sull’idea che il mondo si divide orizzontalmente per affinità, e non verticalmente per barriere sociali o nazionali. L’idea europeista di Renoir viene espressa non solo tramite la trama del film, ma anche nell’uso della lingua che assume un valore simbolico forte. Nel film, girato in francese, i personaggi parlano comunque ognuno la propria lingua madre, il francese, il tedesco e l’inglese. Ha detto François Truffaut: „Secondo Renoir è l’idea di frontiera che bisogna abolire per distruggere lo spirito di Babele e riconciliare gli uomini, che continueranno tuttavia a essere divisi per nascita." Si tratta di uno dei più bei film pacifisti, anche se arriva tragicamente troppo tardi. Il film è rivolto specificamente agli studenti dei corsi di lingua tedesca, ma sono benvenuti anche gli studenti di altre lingue.